Check & Save & Download Instagram user photos and videos.List Most Popular Hashtags and Users. Recent Popular medias and share them ImgToon
  1. Homepage
  2. picentinifood

#picentinifood photos and videos on Instagram

Medias attached with hashtag: #picentinifood on Instagram

Advertisement

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

🌭A' pezzentella🌭 🇮🇹🍽☞Il nome salsiccia rimanda alle origini della vita contadina, alla necessità di conservare più a lungo possibile la carne e, soprattutto, di utilizzare al meglio ogni parte del maiale. Mentre le parti “nobili”, erano usate dai contadini per la produzione di soppressate, pancette e guanciali, al pezzente invece erano riservati i tagli poveri. Anche le parti della carne avanzata dai ritagli, gli scarti , le cotiche , i nervetti, i muscoli più difficili da sminuzzare, lo stomaco, il grasso residuo delle lavorazioni precedenti: tutto quanto era tagliato a striscioline e poi tritato. Alla miscela di carni si aggiungeva peperoncino piccante, ridotto in polvere, semi di finocchio selvatico, aglio fresco tritato e sale marino. Una volta preparato l’impasto si riempie il budello del maiale come una normale salsiccia e si può mangiare fresca al ragù o magari farla essicare x qualche giorno e gustarla più asciutta….è un prodotto povero ma ricco di gusto e sapore. La morte sua è arrostita sotto la brace del camino o del barbecue….ma molteplici sono i suoi usi in cucina, tipo per esempio cuocerla nel ragù della domenica per poi condire la pasta☜🍽🇮🇹 〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰 #picentinifood

Advertisement

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

Instagram Image by 🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) with caption : "🍅A' cucozza à tiella🍅
🇮🇹🍽☞Chi l’ha detto che zuppe e le minestre si debbano mangiare solo d’inverno? Questa zuppa in cam" at Montecorvino Rovella - 1802426107779881385

🍅A' cucozza à tiella🍅 🇮🇹🍽☞Chi l’ha detto che zuppe e le minestre si debbano mangiare solo d’inverno? Questa zuppa in campania è tipica della stagione estiva e si prepara con la gustosissima "cucozza longa" dalla forma allungata e leggermente curva, buccia verde chiaro e sapore delicato. Gli ingredienti sono semplici e poveri ma vi assicuro che il gusto è buonissimo e, se la gustate tiepida, vi stupirete di quanto sia dissetante e rinfrescante! La preparazione è semplicissima, tradizione vuole che la si prepari aggiungendo la zucca tagliata in piccoli pezzi ad un soffritto di olio EVO, abbondante cipolla tagliata a fette, peperoncino e pomodorini. Allungare il tutto di tanto in tanto con acqua o brodo e far cuocere lentamente. Dettaglio da non trascurare: cercate di usare pomodorini molto maturi e dolci perché fanno la differenza! Vi consigliamo di accompagnare il tutto con del pane casereccio a biscotti "spunzato" Buon appetito☜🍽🇮🇹 〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰 #picentinifood

Advertisement

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

Instagram Image by 🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) with caption : "🥒A' cucozza longa🥒
🇮🇹🍽☞La zucca o zucchetta da pergola nota anche come zucca serpente di Sicilia è una pianta della fami" at Montecorvino Rovella - 1802423595291331819

🥒A' cucozza longa🥒 🇮🇹🍽☞La zucca o zucchetta da pergola nota anche come zucca serpente di Sicilia è una pianta della famiglia delle Cucurbitacee. Produce dei frutti allungati, che nella coltivazione a pergola pendono in basso per gravità, mentre nella coltivazione spontanea sul terreno si ricurva e prende la tipica forma di un serpentello. In genere, i frutti, le zucchine, sono stretti e lunghi anche oltre 1 metro. Ha tantissimi impieghi in cucina, ed è un prodotto tipico della cucina Campana, dove è nota come "cucuzza longa", tradizione vuole che la si prepari con un soffritto di olio EVO, aglio, peperoncino e pomodorini. È possibile con la zucchetta da pergola preparare delle ottime zuppe o mangiarle con la pasta in un delizioso primo piatto, tradizionale della cucina siciliana, cilentana e salernitana. Le foglie hanno una caratteristica consistenza vellutata, e le cime con le foglie più tenere vengono anch'esse consumate come minestra con la pasta e come contorno e sono note come tenerumi; questo uso è particolarmente diffuso in Sicilia, dove i tenerumi vengono anche utilizzati nella cucina creativa insieme ai ricci di mare e in varie altre zuppe miste di verdure☜🍽🇮🇹 〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰 #picentinifood

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

Instagram Image by 🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) with caption : "🍷Vino e percoche🍷
🇮🇹🍽☞Un tempo si pensava fossero un incrocio tra pesche e albicocche, ora si sa invece che le percoche " at Montecorvino Rovella - 1802355536786608828

🍷Vino e percoche🍷 🇮🇹🍽☞Un tempo si pensava fossero un incrocio tra pesche e albicocche, ora si sa invece che le percoche sono una qualità di pesche a polpa gialla, molto compatta, dalla dimensione medio-grande. Vengono coltivate soprattutto nel sud Italia, in Campania, Calabria, Puglia e Basilicata. La loro polpa, così soda e compatta, le rende un ottimo prodotto dell’industria dolciaria: con le percoche, infatti, si preparano per lo più marmellate, crostate e pesche sciroppate. Di percoche ne esistono più una varietà, ma tutte hanno la caratteristica di avere quella polpa soda e ben attaccata al nocciolo. Tra le più comuni vi sono la "giallona", coltivata nella provincia di Salerno e nei Picentini, dalla forma ben tonda e dalla buccia morbida e di color giallo chiaro, la "percoca col pizzo", coltivata nelle zone flegree di Napoli, con polpa giallo/aranciata e molto dolce. Oltre ad essere molto rinfrescante nel periodo estivo di luglio ed agosto, é ormai tradizione mangiare le percoche tagliate a grosse fette ed immerse nel vino, possibilmente in brocche di ceramica. Normalmente, per prima cosa si beve il vino che acquisisce uno squisito gusto fresco e fruttato, poi si consumano le percoche ben intrise in esso. Vera e propria prelibatezza per il palato☜🍽🇮🇹 〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰 #picentinifood

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

Instagram Image by 🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) with caption : "🥓A' sup'rsata🥓
🇮🇹🍽☞La soppressata è un insaccato molto pregiato, realizzato con le parti più nobili del maiale: la cosci" at Montecorvino Rovella - 1802142352142070621

🥓A' sup'rsata🥓 🇮🇹🍽☞La soppressata è un insaccato molto pregiato, realizzato con le parti più nobili del maiale: la coscia e la spalla. Questo significa che per realizzarla bisogna rinunciare al prosciutto. Le sue origini non sono note, ma si presume che la sua preparazione sia nata dall’esigenza di utilizzare queste parti così pregiate, senza necessariamente ricavarne dei prosciutti. In alcune località costiere della campania infatti, dove gli inverni non sono mai troppo lunghi e freddi, è molto difficile la stagionatura del prosciutto, che a differenza della soppressata, necessita di una maturazione più lunga e di una temperatura più rigida. Così, secondo alcune fonti storiche, a qualcuno venne in mente di realizzare questo insaccato dal profumo e dal gusto veramente unico, che è andato ad allungare la già lunga lista degli eccellenti prodotti tipici dei Picentini. È inutile dire che le migliori soppressate vengono realizzate con le carni dei maiali allevati allo stato brado o semibrado, meglio se il maiale è della varietà nera, in quanto la loro carne è ancora più soda e di colore più rosso. In provincia la soppressata di Gioi Cilento è una specialità tipica che, pur avendo ormai varcato i confini nazionali, conserva tutte le caratteristiche artigianali di un tempo. Insignita infatti della Dominazione di Origine Protetta, o più smeplicemente DOP, chi la produce è costretto a seguire un disciplinare di preparazione molto rigido. È addirittura prevista la lunghezza esatta del budello dentro il quale viene insaccata, e ricoscibile dal filo di lardo posizionato al centro che ha oltre a dare un tocco decorativo, contribuisce a mantenere umido l'impasto☜🍽🇮🇹 〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰 #picentinifood

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

🍯La marmellata di fichi🍯 🇮🇹🍽☞Durante l’estate nelle cucine si percepisce un certo entusiasmo, si ha voglia di preparare sempre qualcosa, ed è per questo che l’abbondanza di frutta e verdura ci permette di realizzare confetture e conserve che ci accompagneranno durante tutto l’inverno. I profumi ed i sapori di tutto ciò che la natura ci offre vengono racchiusi in comodi vasetti di vetro da conservare in dispensa. Oggi abbiamo scelto di utilizzare uno dei frutti estivi più amati: il fico nero dalle nostre parti detto "granato", e trasformarlo in una dolce confettura. Grazie al loro gusto zuccherino, i fichi neri, risultano perfetti per questa preparazione. Una volta realizzata la confettura di fichi non vi resterà che custodirla fino al momento in cui deciderete di dischiudere il tappo. Che sia spalmata su una fetta di pane tostato o utilizzata per farcire una crostata, la confettura di fichi vi conquisterà con la sua dolcezza. Il suo gusto ricercato inoltre la rende perfetta per arricchire un tagliere di formaggi stagionati. In qualunque modo decidiate di gustarla, questa conserva sarà una garanzia di bontà per il palato☜🍽🇮🇹 〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰〰 #picentinifood

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

🥜La noce ed il nocino🥜 🇮🇹🍽☞La parte commestibile della noce è il gheriglio, contenuto all’interno della parte legnosa e dura prodotta dall’omonimo albero originario dell'Asia himalayana, introdotta in Europa in epoca antichissima ed oggi presente in tutto il mondo. L’albero del noce può essere coltivato sia per la produzione di legno che per quella del frutto. il frutto non è altro che una drupa composta da un mallo carnoso e fibroso che contiene la noce vera e propria, costituita da due valve che racchiudono il gheriglio.
 In cucina la noce trova molteplici utilizzi, fa parte delle varietà che compongono la frutta secca, ma viene anche usata in granelle per guarnire alcune pietanze, per particolari salse e condimenti, per condire certi tipi di pane e focacce, per alcune insalate, nella macedonia, sui dolci e perla preparazione di ottime torte e biscotti. ll nocino invece, è un liquore tipico fatto in casa ottenuto dal mallo della noce, a mezzo di infusione in alcool. Lo si prepara in questo periodo dell’anno, e precisamente il giorno di San Giovanni il 24 giugno quando le noci sono ancora verdi e perfette per dare il giusto aroma a questo liquore. Il nocino è una ricetta della tradizione popolare antica, oltre ad essere anche un ottimo digestivo da degustare dopo un abbondante pranzo. È un liquore che si beve dopo un lungo periodo di riposo, tradizione vuole che lo si consumi durante le festività natalizie☜🍽🇮🇹 #picentinifood

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

🍝Il raviolo Picentino🍝 🇮🇹🍽☞Le mani al lavoro che si intravedono nelle foto illustative dicono tutto... i ravioli, insieme alla preparazione dei fusilli, degli gnocchi e della lasagna, rappresentano il piatto tipico delle domeniche e della cucina tradizionale antica dei Picentini. La ricetta dei ravioli fatti in casa è semplicissima: si parte da un impasto di acqua e farina di semola di grano duro, dalla quale si ottiene una sfoglia lunga e sottile che viene poi farcita con un ripieno di ricotta di pecora, il fiore all'occhiello della nostra pastorizia locale, aromatizzata con sale, pepe, uova e basilico. Il condimento, a differenza di tanti altri primi tradizionali della cucina nostrana, è un semplice ragù di carne alla napoletana, in modo da poter meglio assaporare la farcitura dei ravioli. Il secondo fine settimana di agosto si celebra questo piatto della cucina tradizionale con la ormai rinomata "Festa del Raviolo Picentino", organizzata dalla Pro Loco Sanciprianese e giunta alla sua tredicesima edizione. L'evento che si svolge nella centralissima P.zza Umberto I di San Cipriano Picentino, altro importante paese del comprensorio dei Monti Picentini, vede la partecipazione di tantissimi turisti ed autoctoni riversarsi in piazza per assaporare i gustosi ravioli preparati secondo la tradizione culinaria picentina☜🍽🇮🇹 #picentinifood

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

Instagram Image by 🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) with caption : "🇮🇹🍽☞È cominciato il conto alla rovescia per la seconda edizione del “Giffoni Sport and Food” l’evento di sport, cibo e d" at Montecorvino Rovella - 1800108140799064904

🇮🇹🍽☞È cominciato il conto alla rovescia per la seconda edizione del “Giffoni Sport and Food” l’evento di sport, cibo e divertimento promosso dall’associazione culturale Giffoni Eventi e in programma dal 21 giugno al 1 luglio nell’area di piazza Lumière di Giffoni Valle Piana: 8mila metri quadrati per praticare sport, fare aggregazione e scoprire i sapori, gli odori e i colori dei piatti tipici dei picentini e della “regina” della dieta mediterranea, la pizza. in programma il "Premio Tonda d’Oro", un vero e proprio contest culinario dove 8 chef si contenderanno la seconda edizione di questo premio che andrà a chi avrà meglio valorizzato la nocciola in cucina. La corilicoltura è un prezioso patrimonio agricolo e paesaggistico per i Monti Picentini, e di certo la nocciola è il prodotto simbolo di questo territorio. Troppo a lungo il suo utilizzo in cucina è stato relegato al settore dolciario, mentre nel tempo si è scoperto essere un ottimo ingredienti per una serie di primi e secondi piatti. Dalle nocciole ai funghi, passando ai frutti degli orti del sottobosco, senza dimenticare salumi e formaggi. I Monti Picentini sono un ricco giacimento di prelibatezze, un misto di tradizioni e sapori che nel tempo hanno conservato la loro esclusività e bontà. Giffoni sport and food è l'occasione buona per provare la sua variegata e golosa cucina☜🍽🇮🇹 #picentinifood

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

Instagram Image by 🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) with caption : "🇮🇹🍽☞Un weekend dedicato al gusto e al sapore dei Monti Picentini, quello che vedrà protagonista Montecorvino Rovella, in" at Montecorvino Rovella - 1800080314872059120

🇮🇹🍽☞Un weekend dedicato al gusto e al sapore dei Monti Picentini, quello che vedrà protagonista Montecorvino Rovella, in provincia di Salerno, dal 22 al 25 giugno 2018. In piazza Duomo in programma la "III Sagra Cortecce Ceci e Porcini, e Mascuotto con Olio Extravergine di Oliva". Da venerdì 22 giugno a lunedì 25 si porta in tavola il gusto e il sapore di una terra ricca di cultura, natura ma soprattutto di buon cibo. Montecorvino Rovella ospita la "Sagra Cortecce, Ceci e Porcini e Mascuotto", evento è organizzato dalla Parrocchia dei Santi Pietro, Nicola e Santa Maria Assunta, con patrocinio del Comune e della Pro Loco. Si comincia ogni sera alle ore 20 in Piazza Duomo. Oltre al piatto per eccellenza, le cortecce con ceci e porcini, sarà possibile gustare il tradizionale mascuotto contadino con i pomodori e l'olio extravergine di oliva dei Picentini, e l'antico spumone, il gelato tipico montecorvinese☜🍽🇮🇹 #picentinifood

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

Instagram Image by 🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) with caption : "🍝A' carcioffla m'buttunata🍝
🇮🇹🍽☞Il carciofo imbottito è una delizia della cucina povera nostrana.
Il ripieno fatto con f" at Montecorvino Rovella - 1795895223509750487

🍝A' carcioffla m'buttunata🍝 🇮🇹🍽☞Il carciofo imbottito è una delizia della cucina povera nostrana. Il ripieno fatto con formaggio pecorino, pane raffermo ammollato in acqua, aglio, prezzemolo ed uova si accoppia benissimo con il carciofo tondo di Paestum IGP, eccellenza della nostra terra. I carciofi una volta arrivati a maturazione vengono raccolti, spogliati delle foglie più dure, farciti all'interno e rosolati in padella con olio EVO in modo che il cosiddetto "tappo" si consolidi e non si sfaldi in cottura. Di solito con lo stesso si crea anche un brodo, dove si cucina la pasta, in particolare i tubetti o gli spaghetti spezzati, ma tradizione vuole che si faccia cuocere nel ragù a fuoco molto dolce per poi condire la pasta☜🍽🇮🇹 #picentinifood

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

Instagram Image by 🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) with caption : "🇮🇹🍽☞La frittata di zucchine è un classico della cucina tradizionale campana.
I piatti più buoni della nostra tradizione," at Montecorvino Rovella - 1795871344942783084

🇮🇹🍽☞La frittata di zucchine è un classico della cucina tradizionale campana. I piatti più buoni della nostra tradizione, sono spesso i più "poveri" d’ingredienti, ma i più ricchi di gusto, i più semplici e i più economici. Questa frittata di zucchine ne è un esempio. Uova, zucchine, formaggio di pecora e un po’ di basilico è tutto quello che ti serve per portare a tavola una frittata dal gusto unico. La frittata, che sia di zucchine o insaporita con formaggi oppure arricchita con altri ingredienti, è un piatto versatile: gustata calda è una soluzione veloce per un secondo piatto ; fredda, tagliata a cubetti è un appetitoso antipasto per accompagnare una bicchiere fresco di vino; a fette è la farcitura perfetta per un panino imbottito☜🍽🇮🇹 #picentinifood

🍝Le Specialità dei Picentini🍝 (@picentini_food) Instagram Profile Photo picentini_food

🍝Le Specialità dei Picentini🍝

🍝I' maccaruni stufati🍝 🇮🇹🍽☞Un buon compresso tra un primo e secondo piatto, considerando che all’interno troviamo tanto la pasta quanto la carne, e proprio quest’ultima la caratterizza come una pietanza piuttosto importante e sostanziosa, per il giorno di festa. Considerando quanto la cucina campana sia povera, e raramente faccia uso di un ingrediente nobile qual'è la carne, si capisce bene come questa preparazione in origine fosse stata concepita più che altro per celebrare una giornata importante, come una festa particolarmente sentita o, ancora tra coloro i quali fossero stati un po’ più benestanti, una specialità per una domenica in famiglia. Si sa quando si prepara il ragù napoletano non è mai in quantità modiche, quindi perchè non sfruttarlo anche per questa ricetta nostrana degli ziti al ragù napoletano in forno. Si tratta di una pasta al forno ricca e gustosa, oltre al ragù napoletano si sfruttano anche altri ingredienti che tradizionalmente si accostano al ragù ovvero la ricotta e la mozzarella, le uova sode, i piselli, le polpettine di carne macinata ed abbondate formaggio pecorino grattugiato. Fate cuocere questa squisitezza in forno a 180° fino ad ottenere una superficie ben dorata e croccante. Buon appetito☜🍽🇮🇹 #picentinifood